Toyota Prius 2016, l'ibrida per eccellenza

Disponibile dal primo marzo, una delle ibride più famose si rinnova nel look e nella sostanza.

Disponibile dal primo marzo, una delle ibride più famose si rinnova nel look e nella sostanza. - News Automotive

La Toyota Prius, l'auto che nel 2000 ha rivoluzionato letteralmente il mercato grazie al suo innovativo motore ibrido, è arrivata oggi alla sua quarta generazione e sarà disponibile dal primo marzo.

L'auto si presenta con un assetto leggermente ribassato e delle line molto spigolose e tese, il che conferisce un'aggressività decisamente maggiore rispetto alle antenate, molto più rotonde e "paciose". Anche i fari sono stati completamente ridisegnati in maniera affilata ed originale.

noleggio Toyota Prius 2016

Passando agli interni, si viene accolti in un gradevole ambiente dal sapore futuristico, ancora più d'impatto se si sceglie il bianco come colore primario: non a caso il volante e la plancia ricordano vagamente uno stormtrooper di Star Wars. Il comfort non manca affatto, grazie a una seduta di guida rilassata e a un sistema di infotainment di alto livello (molto utile la possibilità di ricaricare il cellulare con un sistema wireless, ed evitando quindi cavetti vari).

noleggio Toyota Prius 2016

Come prevedibile però, il vero pregio di questa Prius saranno ancora una volta i consumi incredibilmente bassi: 3.0 litri ogni 100 km ed è possibile toccare i 110 km orari in elettrico. Come in passato, è sempre disponibile il monitor che tiene sotto controllo i consumi e indica come lavorano i due motori, in modo da rendere la guida sempre più efficiente e meno dispendiosa.
Da annotare che il 1.8 benzina diminiusce la potenza di 14 cavalli rispetto alla vecchia versione, che diventano quindi 122.

noleggio Toyota Prius 2016

Ovviamente, come ci si aspetta da un'ibrida, si guida nel silenzio totale e senza alcuna vibrazione dal motore. Ridotte anche le dimensioni della batteria, il che ha di fatto ampliato la capacità del bagaglaio.
D'impatto infine la grande luminosità dell'abitacolo, dovuta alle ampie vetrate: unica nota negativa, la visibilità ridotta del lunotto posteriore.


Fonte: Fleetmagazine.com
 

22 febbraio 2016
Pubblicato da Roberto La Sala