Da Carlo Ciampi

La storia di Mercedes-Benz inizia nel 1926 dopo la fusione tra Daimler-Motoren-Gesellschaft e Benz & Cie. nel gruppo Daimler-Benz. Da quel momento in poi il marchio esclusiva Daimler, Mercedes, diventa Mercedes-Benz. 

I difficili esordi

Gli esordi furono indubbiamente difficili. Per affrontare il periodo di crisi dovuto alla situazione economica post-fusione, la casa tedesca optò per estendere la gamma di modelli in produzione. Nacque così la 8/38 PS, di fattura tradizionale con un motore da 2 litri e 38 CV. Anche il segmento più alto venne implementato con la gamma W03 e le lussuose Typ 400 e Typ 630, evoluzioni di due modelli della precedente gamma Mercedes.

Grazie all’introduzione della catena di montaggio, nonostante costasse posti di lavoro, Mercedes-Benz ridusse i costi delle sue vetture. Con il crollo della Borsa di New York del 1929, si pensò ad un modello più economico che si posizionasse al di sotto della Typ 200 Stuttgart (evoluzione della 8/38 PS). La 170 W15 era un’auto innovativa perché dotata di sospensioni a ruote indipendenti, una vera novità per l’epoca.

Gli anni pre e post Seconda Guerra Mondiale

Nel 1933, Adolf Hitler ridusse e talvolta abolì le tasse troppo salate nel settore automobilistico ridandogli slancio. Il Führer inoltre cercò di aumentare il livello di motorizzazione in Germania visto che in altri Paesi erano avanti rispetto alla Germania. Da qui la decisione di creare una vettura popolare per aprirsi ad una nuova fetta di mercato. Nacquero così i modelli 130, 150 e 170H che non raggiunsero il successo sperato.

Nel 1936 Mercedes-Benz fu la prima a produrre un’auto con motore a diesel, la 260D. Nello stesso periodo venne lanciata anche la 170V, destinata ad un successo duraturo, anche nel dopoguerra. Nei 3 anni successivi il brand tedesco riscosse un grandissimo successo, ma nel 1939 Hitler tenne per sé tutte le materie prime e le case automobilistiche furono obbligate a produrre veicoli per fini bellici.

La ripresa dopo a fine della Seconda Guerra Mondiale non fu semplice. La produzione riprese nel 1946 con la 170V, unico modello che la Mercedes-Benz era in grado di produrre. Nel 1949 venne reintrodotto il motore diesel, questa volta sulla 170D, mentre per l’introduzione di nuovi modelli si aspettò il 1951.

La 220 e la 300 erano finalmente all’altezza degli standard del brand e la seconda divenne persino l’auto prediletta dell’allora cancelliere tedesco Konrad Adenauer. Anche il settore autocarri rivide splendore con il modello di successo L3500.

I floridi anni ‘50

Nel 1950 oltre ad esserci un grande incremento delle vendite, Mercedes-Benz produsse la 300 SL da gara e si aprì al mondo delle competizioni sportive. Sempre nella prima metà degli anni ’50 vennero lanciate la 180 con l’introduzione della struttura a scocca portante, e la 300SL “Ali di gabbiano”, la prima vettura di serie con l’alimentazione ad iniezione diretta. Nel 1959, con il lancio della serie Heckflosse, Mercedes-Benz introdusse il concetto di scocca a deformazione programmata, un vero e proprio passo avanti nel campo della sicurezza passiva.

Dagli anni ’60 al nuovo millennio

Negli anni ’60 vennero proposti nuovi modelli: nacquero la 600 e la SL “Pagoda”, ma anche la nuova serie dell’ammiraglia di Casa, ossia la W108 e la W110, sostituita a sua volta nel 1968 dalla cosiddetta “Strichacht”.

Nel 1975, l’italiano Bruno Sacco divenne Responsabile del Design Mercedes-Benz e fino al nuovo millennio lo stile Mercedes-Benz sarà nelle sue mani. Negli anni ’70 ci fu il debutto di diversi modelli: una nuova Classe SL, la R107; la prima Classe S, la W116; la serie 123; la seconda Classe S, la W126.

Nel 1981 fu lanciata la coupé di lusso derivata dalla W126, denominata C126 e destinata ad essere ricordata come una delle più belle coupé Mercedes-Benz di tale segmento. Sempre negli anni ’80 uscirono sul mercato la 190 (prima del segmento D), la W124 (berlina segmento E), la R129 (la più bella del segmento SL mai prodotta).

Gli anni ’90 iniziarono con il lancio della W140 e proseguirono con il lancio di due modelli “classici” della gamma Mercedes-Benz: la W202, primo modello del segmento Classe C, e la W210, seconda generazione della Classe E.

La storia del nuovo millennio è nota a tutti, tra difficoltà e riprese, Mercedes-Benz è una delle case automobilistiche più apprezzate.

Ora che ne conosci la storia, approfitta delle nostre offerte di noleggio a lungo termine Mercedes-Benz.

Post correlati

Fiat: storia centenaria

Fiat, una storia centenaria che parte nel 1899 quando nasce la Fabbrica Italiana Automobili Torino....

La storia dell’Audi

La storia dell’Audi ha inizio nel 1899 da August Horch. L’ingegnere tedesco fonda un’azienda...

Peugeot 308: dalle origini all’ibrido

La storia di Peugeot 308 iniziò nel 1932 con la 301. Le versioni che furono commercializzate...