Categoria: Mobilità Green e Sostenibilità

Novità Auto Elettriche: modelli in uscita nel 2024

Da Carlo Ciampi

Al centro della rivoluzione automobilistica, le auto elettriche si stanno affermando come protagoniste indiscusse del futuro della mobilità. Con il 2024 ormai alle porte, il settore delle auto elettriche si prepara a sorprendere con un’ondata di innovazioni e nuovi modelli che cambieranno il modo in cui concepiamo la guida.

L’ascesa delle auto elettriche rappresenta un punto di svolta nel mondo automobilistico, segnando la transizione dai motori a combustione interna a soluzioni di mobilità ad alimentazione sostenibili e a zero emissioni. Il successo delle auto elettriche può essere attribuito a una combinazione di fattori tra cui maggiore autonomia delle batterie, maggiore disponibilità di infrastrutture di ricarica e incentivi statali per l’adozione di auto a basso impatto ambientale. 

In questo articolo andremo ad esplorare le anticipazioni e le novità più promettenti nel mondo delle auto elettriche che saranno protagoniste nel 2024. Dalle novità assolute come la nuova Alfa Romeo Milano, ai restyling di modelli classici come Fiat Panda, quest’anno promette di essere cruciale per coloro che desiderano abbracciare la rivoluzione elettrica senza compromettere stile comfort o prestazioni.

Cosa cambia nel mondo delle auto elettriche nel 2024

Nel 2024, il mercato automobilistico sarà fortemente influenzato dalle innovazioni tecnologiche, principalmente nel settore delle auto elettriche. Una delle principali novità attese è un incremento dell’autonomia delle batterie che al momento riesce a coprire tra i 300 e i 400 chilometri. Grazie alle nuove tecnologie potenzialmente si potrebbe arrivare a raggiungere i 600800 chilometri, rendendo le auto elettriche adatte a viaggi più lunghi e riducendo l’ansia da autonomia. 

Un’altra innovazione chiave sulla quale i ricercatori stanno lavorando è la ricarica ultra veloce delle batterie. Mentre ad oggi il processo può richiedere da 30 minuti a diverse ore, a seconda della capacità delle batterie e del tipo di stazione di ricarica, l’introduzione della tecnologia di ricarica ultra veloce consentirebbe di completare la ricarica in pochi minuti, simili al tempo di rifornimento di un serbatoio di benzina.

Attualmente, la guida autonoma risulta complessa da implementare senza inconvenienti. Tuttavia, i produttori stanno sfruttando il crescente successo dell’intelligenza artificiale generativa per potenziare l’intrattenimento e l’interazione a bordo, rinviando momentaneamente il focus sulla guida autonoma.

Le migliori auto elettriche del 2024

L’industria automobilistica sta vivendo una vera e propria rivoluzione, con sempre più brand che si stanno concentrando sullo sviluppo di auto elettriche. Grazie alle loro prestazioni ecologiche, economiche e innovative, le auto elettriche stanno diventando sempre più popolari. Ma quali saranno le migliori auto elettriche del 2024? In questa classifica, FacileRent, azienda leader nel settore del noleggio auto, presenterà le 10 auto elettriche che si prevede saranno le più innovative e avanzate del mercato nel 2024.

1. Alfa Romeo Milano

Il nuovo  B-SUV Milano di casa Alfa Romeo farà il suo debutto ad Aprile. Il modello Alfa Romeo Milano sarà caratterizzato da un design unico rispetto agli altri veicoli della casa, con una griglia triangolare del radiatore e un gruppo di fari con tre barre orizzontali nella parte superiore e una nella parte inferiore. I fianchi saranno scorrevoli e armoniosi, richiamando l’eleganza dei crossover Alfa Romeo, ma con delle distinzioni come le maniglie delle porte posteriori nascoste, il davanzale frastagliato e il tetto nero che crea un interessante contrasto. A livello meccanico, il modello dovrebbe condividere alcune parti con la Jeep Avenger e la Fiat 600. Oltre alla versione completamente elettrica da 156 CV con una batteria da 51 kWh e un’autonomia di circa 400 km, sarà disponibile anche una versione ibrida.

2. Audi Q6 e-tron

Il nuovo maxi SUV elettrico Audi, utilizzando la piattaforma PPE sviluppata con Porsche, supporta un’architettura a 800 V per ricariche ad alta potenza. La potenza massima di ricarica in corrente continua è di 270 kW. L’interno della Q6 e-tron presenta l’Audi Digital Stage con un display virtual cockpit da 11,9 pollici, un display MMI da 14,5 pollici per l’infotainment e uno schermo da 10,9 pollici per il passeggero. Include anche un sistema audio premium Bang & Olufsen. La versione base ha un doppio motore elettrico, trazione integrale, 401 CV (295 kW) e 535 Nm. La versione top di gamma, la SQ6, offre 516 CV (380 kW) e 820 Nm. Tutte le versioni hanno una batteria da 100 kWh con autonomia di circa 600 km secondo il ciclo WLTP.

3. Citroen e-C3

La nuova Citroen e-C3 in versione esclusivamente elettrica, è spinta da un motore da 83 kW (113 CV) sull’asse anteriore, alimentato da un pacco batterie litio ferro fosfato da 44 kWh. L’autonomia ufficiale è di 320 km, con ricarica dal 20 all’80% in meno di 30 minuti grazie alla potenza massima accettata di 100 kW in corrente continua. Le linee curve della precedente versione cedono il passo a un design squadrato e spigoloso, mantenendo però quasi invariate le dimensioni. Un’innovazione chiave è la strumentazione digitale incastonata tra plancia e lunotto, funzionante come un head-up display con informazioni proiettate su un piccolo monitor. Il volante è ridimensionato e dotato di pulsanti per gestire infotainment e sistemi di assistenza alla guida. Un ulteriore punto di forza sono i sedili Advanced Comfort, imbottiti con una speciale schiuma poliuretanica che offre un equilibrio ideale tra morbidezza e sostegno.

4. Cupra Tavascan

Il futuro del marchio Cupra si declina completamente verso l’elettrico. Dopo il successo della Formentor Plug-in Hybrid da 245 CV, debutta la Tavascan, un SUV-coupé dalle dimensioni generose. La fusione di spigoli e curve crea un concept armonioso, arricchito da cerchi in lega di grandi dimensioni e passaruota ben definiti. Il design altamente aerodinamico mira a ridurre il consumo di energia elettrica e ad aumentare l’autonomia della batteria. Basata sulla piattaforma MEB del Gruppo Volkswagen, la Tavascan sarà equipaggiata con due motori: una versione a trazione posteriore da 286 CV e la VZ, con due motori (per un totale di 340 CV). Entrambe le varianti sono alimentate da una batteria da 77 kWh netti, consentendo alla Tavascan di viaggiare fino a 450 km senza emissioni.

5. Fiat Panda

La nuova erede della Fiat Panda sarà interamente elettrica, una notizia già nota. Tuttavia, la novità sta nel fatto che sarà fabbricata in Serbia, nello stabilimento di Kragujevac, lo stesso dove sono state assemblate le Fiat 500L fino a giugno 2022. La rinnovata Fiat Panda si trasformerà in un crossover di segmento B dalle linee squadrate e una lunghezza di circa 4 metri. L’evento di presentazione è previsto per l’11 luglio, in occasione del 125º anniversario del marchio. Il nuovo modello sarà basato sulla piattaforma Smart Car, già utilizzata sulla Citroën e-C3, che impiega batterie al litio-ferro-fosfato (LFP) più economiche. Con una capacità di batteria di 44 kWh come nella Citroën, si stima che la Panda elettrica possa avere un’autonomia fino a 320 km nel ciclo WLTP.

6. Lancia Ypsilon

La nuova Lancia Ypsilon sarà svelata il 14 febbraio e sarà disponibile con un motore elettrico da 156 CV e una batteria da 54 kWh, offrendo un’autonomia di circa 400 km. Con una lunghezza leggermente superiore ai 4 metri, sarà una vettura più grande rispetto al modello precedente. Il design del nuovo modello è unico e personale, con elementi ispirati al nuovo linguaggio stilistico creato dai designer con la concept Pu+ra HPE. Gli interni sono stati curati in collaborazione con la nota casa di arredamento italiana Cassina e includono un sistema multimediale innovativo chiamato S.A.L.A. Questo sistema permette di controllare varie funzioni, come la radio, il clima e l’illuminazione dell’abitacolo, sia premendo un pulsante che tramite comandi vocali, rendendo i viaggi più semplici e confortevoli.

7. Maserati Quattroporte

La nuova Maserati Quattroporte è la prima berlina elettrica del marchio, nata esclusivamente a zero emissioni. Le dimensioni attuali si attestano sui 5,25 metri di lunghezza. Lo stile della Quattroporte 2024 sarà distintivo, con un’attenzione particolare all’efficienza. Derivata dalla piattaforma Giorgio, la nuova architettura STLA Large, pur non originariamente pensata per veicoli elettrici, sarà equipaggiata con un sistema a 800 Volt per consentire ricarica ultra-rapida in corrente continua. La versione top di gamma avrà una batteria da circa 100 kWh, garantendo un’autonomia di 500 km. La Quattroporte sarà disponibile in diverse varianti, tra cui la Trofeo, con 1000 CV di potenza. Le opzioni motori includono una configurazione a doppio motore con trazione integrale e una a tri-motore, offrendo 750 CV e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi.

8. Porsche Macan

La Porsche Macan elettrica è basata sulla nuova piattaforma PPE, condivisa con l’Audi Q6 e-tron e altri modelli elettrici del Gruppo Volkswagen. I motori elettrici a magneti permanenti forniscono oltre 612 CV (450 kW) e più di 1.000 Nm di coppia. La batteria agli ioni di litio da 100 kWh, alimentata a 800 V, garantisce un’autonomia superiore ai 500 km secondo il ciclo WLTP. Nonostante le innovazioni tecnologiche, il design della Porsche Macan elettrica mantiene le proporzioni tradizionali, rimanendo fedele alle iconiche linee della casa automobilistica. L’aerodinamica svolge un ruolo importante nel design, con il sistema Porsche Active Aerodynamics che, grazie a elementi attivi e passivi, permette di raggiungere un coefficiente aerodinamico di soli 0,25, rendendola una delle SUV più efficienti sul mercato.

9. Renault 5 E-Tech

La Renault 5 E-Tech, lunga 3,92 metri, condividerà il 70% delle componenti con Clio e Captur ma presenta alcuni dettagli unici come l’indicatore di carica sulla parte superiore del cofano ispirato alle prese d’aria della Renault 5 originale. Questo modello è il primo ad utilizzare la piattaforma AmpR Small (ex CMF-B EV), garantendo un’esperienza di guida eccellente grazie alle sospensioni posteriori multi-link. Numerose tecnologie innovative debuttano sulla Renault 5 E-Tech, tra cui il V2G (vehicle-to-grid) e il nuovo assistente virtuale chiamato Reno. Disponibile inizialmente con una batteria da 52 kWh, la vettura offre un’autonomia di circa 400 km, con una versione da 40 kWh in arrivo con un’autonomia stimata di circa 300 km. Una volta che la batteria è completamente carica, il display mostra un elegante numero 5 stilizzato.

10. Volvo EX30

La nuova Volvo EX30 è il SUV più compatto della casa automobilistica, con una lunghezza di 4,23 metri e alimentazione completamente elettrica. L’interno ha un design raffinato e minimalista, simile a quello di Tesla, con tutti i comandi concentrati in uno schermo centrale da 12,3 pollici. L’abitacolo utilizza materiali in plastica riciclata. La EX30 è disponibile con due opzioni di batteria: 49 o 64 kWh. La prima ha un motore da 272 CV e un’autonomia di 344 km, mentre la seconda permette di percorrere fino a 480 km con lo stesso motore. La versione di punta, Twin Motor Performance, ha una batteria da 64 kWh e due motori da 428 CV, accelerando da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi e offrendo un’autonomia di 450 km.

Come Scegliere l’Auto Elettrica Giusta

Scegliere un’auto elettrica può sembrare un’impresa complicata, ma con alcuni semplici consigli è possibile trovare il veicolo più adatto alle proprie esigenze. In primo luogo, è importante valutare le proprie necessità e abitudini di guida, considerando se l’utilizzo dell’auto è principalmente urbano o prevede frequenti viaggi lunghi. L’autonomia delle auto elettriche varia tra i 300 e i 400 km con una singola carica, ma è fondamentale tenere conto delle condizioni di guida, delle temperature esterne e dell’uso di accessori elettronici che possono influire sull’autonomia effettiva.

Verificare la presenza di punti di ricarica nella propria zona è un aspetto importante, soprattutto se si vive in un’area con scarsa copertura di stazioni di ricarica, potrebbe essere difficile ricaricare l’auto durante i viaggi o in situazioni di emergenza. Infine, considerare i costi di manutenzione: sebbene le auto elettriche richiedono meno manutenzione grazie alla mancanza di parti meccaniche complesse, è importante tener conto dei costi delle batterie, che potrebbero necessitare di sostituzione dopo alcuni anni di utilizzo. 

In alternativa all’acquisto di un’auto elettrica nuova, è possibile convertire un’auto a combustione interna in un’auto elettrica. Questa opzione può essere più economica, ma richiede una certa conoscenza tecnica e il supporto di professionisti esperti in conversioni elettriche.

Per convertire un’auto a combustione interna in un’auto elettrica, è necessario sostituire il motore a combustione con un motore elettrico, installare una batteria e un sistema di gestione della batteria, e adattare il sistema di trasmissione per funzionare con il motore elettrico. Questa procedura può richiedere un investimento significativo, ma può essere un’opzione interessante per chi desidera contribuire alla riduzione delle emissioni e non vuole acquistare un’auto completamente nuova.

La rivoluzione delle auto elettriche: sfide e prospettive

L’argomento delle auto elettriche è sempre più al centro dell’attenzione, sia per le questioni ambientali che per le nuove tecnologie che stanno rivoluzionando il settore automobilistico.

Ma quali sono le reali prospettive di sviluppo per le auto elettriche?

Innanzitutto, è importante sottolineare che le auto elettriche rappresentano sicuramente una soluzione sostenibile per ridurre le emissioni di gas serra e l’inquinamento atmosferico. Con l’aumento delle normative ambientali e il crescente interesse dei consumatori per veicoli più ecologici, è probabile che la domanda di auto elettriche continui a crescere. Tuttavia, ci sono ancora alcune sfide da affrontare per rendere le auto elettriche una realtà diffusa.

Uno dei principali ostacoli è il costo, che attualmente è ancora più elevato rispetto alle auto a combustione. Un altro aspetto da considerare è l’infrastruttura di ricarica. Per rendere le auto elettriche una scelta comune, è fondamentale avere una rete di stazioni di ricarica affidabile e capillare. Inoltre, c’è ancora una certa incertezza riguardo all’autonomia delle auto elettriche.

Tuttavia, nonostante queste sfide, il futuro delle auto elettriche sembra promettente. Sempre più marchi automobilistici stanno investendo in nuovi modelli elettrici, e ci sono anche start-up che stanno emergendo con tecnologie innovative per migliorare le prestazioni delle auto elettriche. Inoltre, i governi stanno offrendo incentivi e sussidi per promuovere l’adozione di veicoli elettrici.

Ma per rendere ancora più efficace la transizione verso le auto elettriche, è fondamentale che ci sia una maggiore sensibilizzazione e informazione sui vantaggi e sulle possibilità di queste nuove tecnologie. Per questo motivo, invito tutti a condividere questo articolo e a discutere insieme delle prospettive future delle auto elettriche. Solo così possiamo lavorare insieme per un futuro più sostenibile e pulito per il settore automobilistico.

Post correlati

Motore Mild Hybrid: Come Funziona e Come si Ricarica?

Nel panorama automobilistico odierno, la continua ricerca di soluzioni innovative per ottimizzare...

Vantaggi del Noleggio di Auto Elettriche e Ibride in Vacanza

Le vacanze rappresentano un’opportunità per liberarsi dalla routine quotidiana e partire...

Come ridurre l’impatto ambientale con il Noleggio a Lungo Termine

In un mondo in cui la mobilità è essenziale per lo sviluppo economico e sociale, il settore dei...